Urban Exploration – L'ospedale psichiatrico Greystone in New Jersey

L'ospedale psichiatrico Greystone è denominato anche con il termine "Greystone Park Psychiatric Hospital", nei vari anni prese diversi nomi che si riferiscono sia all'ex ospedale psichiatrico sia all'edificio storico che occupava la zona di Parsippany-Troy Hills Township. Fu inaugurato il 17 agosto 1876, l'ospedale era conosciuto come il "New Jersey State Lunatic Asylum" a Morristown.

Il manicomio ha ricevuto ufficialmente il nome di Greystone Park nel 1924. L'idea di un simile impianto è stata concepita nei primi anni del 1870 dalla lobbista Dorothea Lynde Dix, che riuscì a far stanziare allo Stato ben 2,5 milioni di dollari per ottenere circa 743 acri (300 ettari) di terra. Il terreno scelto è stato valutato con cura ed è stato acquistato dallo Stato in due trance, una nel 1871 e l'altra l'anno seguente. Le strutture di salute mentale del New Jersey in quel periodo erano a carico dello Stato e, si trovavano con un enorme sovraffollamento di pazienti rispetto ai manicomi degli Stati confinanti. Il Greystone, che ha una metratura di 62.582 metri quadrati, servì per alleviare il sovraffollamento della struttura Trenton. Quattro anni dopo l'apertura ospitava ben 800 pazienti, anche se era strutturato per una capienza di 600 malati. Nel 1887 la palestra e la soffitta sono stati convertiti in dormitori per creare stanze supplementari per l'afflusso di nuovi pazienti. Nel tentativo di alleviare l'ulteriore sovraffollamento, il dormitorio è stato costruito dietro l'edificio principale nel 1901.

Tuttavia, non è stato sufficiente per alleviare il problema e, quindi lo stesso anno le sale da pranzo vennero convertite in dormitori. Tredici anni dopo la struttura ospitava 2.412 pazienti con una capacità massima di 1.600. Il picco più alto lo raggiunse nel 1953 con 7.674 persone. Una spiegazione per questo drammatico incremento è stata data dalla Seconda Guerra Mondiale, in cui molti soldati necessitavano di un trattamento per il disturbo da stress post-traumatico, con procedure come la terapia shock insulinica e la terapia elettroconvulsiva. Greystone è stato uno dei pochi luoghi del Paese in grado di trattare questi pazienti. Dal 1970 al 1980 il manicomio era l'unico che trattava i malati con il farmaco thorazine per alleviare i disturbi della personalità.

Nel 2000, Greystone era solo una struttura di 550 posti letto, quando il governatore del New Jersey Christine Todd Whitman ha annunciato che lo Stato stava per chiudere l'impianto entro il 2003. La decisione di chiudere Greystone è nata non solo a causa della preoccupazione per l'invecchiamento dell'edificio, ma anche a causa della recente stampa negativa che stava ricevendo. In particolare le varie violenze sessuali e i vari suicidi che stavano avvenendo in quel luogo. Dopo il 2003 molti pazienti furono trasferiti in altre strutture.

Autore Nova
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!