Una raccolta da record... incredibile!

Cantharellus cibarius da record: il sogno di ogni cercatore di funghi, una montagna per vantarsi con gli amici cercatori di funghi e da immortalare per gli annali. Questo fortunato fungaiolo è riuscito a trovare il posto giusto nel momento giusto, al massimo della "buttata" di questa prelibata specie fungina apprezzata quasi più del rinomato porcino.

Questo fungo chiamato in molti modi (finferlo, galletto, gallinaccio, gialletto) cresce in gruppi numerosi o anche in semicircoli in boschi di latifoglie o aghifoglie. Il suo nome cantarello deriva dal diminutivo del termine "Cantaro", coppa, proprio per la sua forma caratteristica a calice.

Il cappello risulta piccolo e molto irregolare, durante la crescita assume la forma convessa fino quasi a diventare piano. Il colore molto evidente sfuma dal giallo oro all'arancione, ugualmente colorato anche sul gambo che però risulta più assottigliato verso il fondo. La carne è bianca, soda abbastanza fibrosa, quasi senza odore da crudo assume invece un intenso aroma dopo cottura, molto gradevole quasi fruttato. Ottimo sapore con carne prelibata e difficilmente invasa da larve o parassiti come avviene comunemente in molte altre specie commestibili. Trifolato, cotto in salsa di pomodo, essiccato e poi utilizzato come condimento di pasta, risotto o lasagne. Si conserva molto bene sott'olio e anche sott'aceto, mentre se congelato è bene prima di consumarlo cuocerlo per evitare qualsiasi problema che si possa istaurare.

Autore farmame
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!