Spettacolo Monte Etna: Parossismo Dicembre 2015

Video sulla spettacolare ripresa dell'attività del cratere "Voragine" del Monte Etna a circa venti anni di distanza.

Il monte Etna, ubicato nella zona orientale della regione sicula, per la precisione in provincia di Catania, ad oggi può contare su oltre 3300 metri di altezza sul livello del mare, anche se la sua altezza è variata molto nell'arco degli anni a causa dell'attività eruttiva del vulcano.
Denominato in dialetto siciliano, prettamente dai Catanesi, sia "Mungibeddu" che "a Muntagna", si annovera come il vulcano attivo terrestre più alto della zona euro-asiatica; inoltre le sue eruzioni hanno mutato nel tempo in maniera molto evidente tutto il paesaggio circostante, insidiando, talvolta in maniera molto pericolosa, le civiltà che nei secoli si sono insediate alle sue pendici.

Ha una struttura molto complessa, dovuta alla formazione di numerosi costrutti vulcanici che si sono collassati e sono stati sostituiti nell'arco degli anni, affiancati o coperti interamente da nuovi centri eruttivi. Nella conformazione attuale, riusciamo a riconoscere un numero di coni e fratture eruttive che si aggira intorno alle trecento unità.

La storia eruttiva di questo vulcano annovera moltissimi eventi, sicuramente di rilievo quella del luglio 1614 che è stata finora quella dalla durata più lunga: il fenomeno durò per dieci anni ed emise oltre un miliardo di metri cubi di lava, il materiale lavico ricoprì una superficie pari a ventuno chilometri del versante settentrionale del vulcano. All'origine si ebbero le colate da quota 2550, il materiale lavico creò, durante la "discesa", diversi ingrottamenti e fuoriuscite arrivando fino a quota 975 metri. Questa "via" lavica diede origine, a seguito del proprio raffreddamento, ad una serie di grotte laviche, ancora attualmente visitabili, e tra le quali annoveriamo le più famose "Grotta del Gelo" e "Grotta dei Lamponi".

Il video ci propone il recente parossismo del 02 dicembre, con le violente esplosioni e con possente lancio di materiale piroclastico, del cratere denominato "Voragine" che registra la sua ultima attività a circa un ventennio addietro.
Spettacolari le eruzioni di questi giorni, meraviglie che tutti gli abitanti del catanese e delle zone limitrofe possono ammirare dal vivo. Purtroppo il risvolto della medaglia è l'enorme quantitativo di cenere lavica diffusa nell'atmosfera e ricaduta su tutta la costa nord-orientale della Sicilia in maniera più o meno copiosa e che ha portato disagi alla circolazione stradale nonchè alla chiusura dell'aeroporto internazionale Vincenzo Bellini di Catania.

Adesso non resta che godersi il video in questione, ammirando lo spettacolo naturale di uno dei vulcani più attivi del globo terrestre.
Autore Petralavica
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!