Rucus Aculeatus – Caratteristiche

Famiglia: Lillaceae. Luogo d'origine: Europa.

Descrizione: Piccolo arbusto sempreverde, alto fino a 80 cm, eretto e cespuglioso, con fusti striati e ramificati in alto, elastici e rigidi, verdi e con caldodi sessili, che sono rametti appiattiti simili a lamine fogliari con nervature longitudinali. I cladodi sono verdi, alterni, coriacei, ovati, lunghi 1-4 cm, con apice aguzzo e spinoso. Al centro della loro parte superiore sono situati le piccole foglie squamiformi e i fiori, piccolissimi e verdastri, poco appariscenti maschili o femminili. Il frutto è una bacca sferica rossa contenente 1-2 semi e situata al centro dei cladodi, vistosa sulle piantine femminili nel bosco spoglio invernale. Il pungitopo cresce spontaneo nei boschi dove forma spesso un sottobosco, presente fino alla zona submontana.

Ha rizomi corti e sottili che odorano di trementina e sono medicinali. A scopo medicinale e alimentare sono raccolti i primi getti primaverili. L'uso più comune, e che ha dato il nome italiano, è quello di tenere lontano i topi dalle dispense con i cladodi spinosi. E' coltivato e reciso come pianta ornamentale perchè le bacche rallegrano durante l'inverno giardini, vasi e composizioni natalizie.

Esigenze colturali: Cresce bene nel terreno calcareo, acido e argilloso. E' pianta adatta a ricoprire zone anche ombrate, nel sottobosco, sotto gli alberi o per tappezzare. L'impianto prevede più piante dei due sessi, sistemate in aprile in buche riempite di torba.

Autore Nova
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!