Quanta potenza occorre per cuocere un toast?

Il ciclista olimpico Robert Förstemann ha deciso di partecipare ad un piccolo esperimento per capire quanto lavoro serve per generare una potenza di 700w utile a cuocere un toast. Gli è stato chiesto di pedalare su una cyclette.
Una cyclette particolare che, con il passare del tempo, intensifica la pedalata in maniera esponenziale per generare, nello stesso arco di tempo, lo stesso lavoro che genera la macchina dei toast.
Per cuocere il toast Robert dovrà mantenere costante una potenza pari a 700w pedalando.
Nonostante la pedalata diventi sempre più intensa, i 700w dovranno rimanere costanti.
Una sfida davvero intensa che porta il ciclista olimpico allo stremo delle sue forze.
Tutto questo lavoro e questa fatica sono stati necessari per cuocere solamente un semplice toast.
Le macchine compiono dei lavori davvero enormi e questa ne è la prova.
E' bastata una semplice macchina da toast per mettere al tappeto un ciclista olimpico.
Autore Mic5296
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Scelti da Noi

corso di "seduzione magnetica" di franco trentalance

corso di "seduzione magnetica" di franco trentalance

Franco Trentalance (rinomato attore pornografico),...
l'esperimento sociale che ti lascerà senza parole!

l'esperimento sociale che ti lascerà senza parole!

Nel corso dell'ultimo anno, sul web, stanno spopol...
incredibile un uomo mangia sushi si ritrova completamente invaso da..

incredibile un uomo mangia sushi si ritrova completamente invaso da..

Un uomo si sente male dopo aver mangiato del Sushi...
l'intervista di massimo troisi in esclusiva per gianni minà

l'intervista di massimo troisi in esclusiva per gianni minà

Nel video l'intervista di Gianni Mina a Massim...
figuraccia di renzi nel suo incontro con schulz - parte 1^

figuraccia di renzi nel suo incontro con schulz - parte 1^

In questo video, di cui qui si presenta la prima p...
supermercati: quali sono i meno cari?

supermercati: quali sono i meno cari?

L'ultimo periodo socio-economico italiano è stato...

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!