Perchè l'archeologia ufficiale ci nasconde delle scoperte?

La diatriba tra archeologia ufficiale e teorie alternative è sempre aspra e dibattuta, ma perchè questo dualismo esasperato? A questo proposito non mancano varie teorie cospirazioniste che vorrebbero l' archeologia tenuta ostaggio di varie elite che con i più svariati scopi vorrebbero tenere nascosta la verità sull' evoluzione umana.

La realtà potrebbe però essere molto più semplice e da attribuire alla teoria dell' evoluzione enunciata da Charles Darwin. Questa teoria, elaborata in antitesi alla teoria creazionista propugnata dalla Chiesa per molti secoli e, non dimentichiamo, in comune con tutte le più svariate religioni che siano mai state professate sul pianeta, tentava di spiegare in modo scientifico ed attraverso lo studio di animali e piante, come gli esseri viventi si sarebbero evoluti attraverso un percorso di adattamento all' ambiente esterno, compresi gli esseri umani. Questa teoria, venne presto accettata come possibile e col passare del tempo è diventata quella ufficiale, anche perchè in fondo è stata la prima, ma anche l'unica mai elaborata prima.

Questo fatto ha portato l' archeologia su binari predefiniti che hanno abbandonato il metodo scientifico, che in realtà è sempre in evoluzione, per diventare dogma.

Per sopperire a tale dogma, sono innumerevoli i casi in cui se una scoperta non si adatta al dogma, invece di indagare a tal proposito, si scarta a priori, proprio come accade con quelli che vengono denominati OOPART e tra questi i più famosi e citati in questo video sono la "Mappa di Piri Reis" e le "Pile di Bagdad".

Autore scheggia10
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube The Mysteries of the Origins. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!