Le Piramidi di Dahshur

Da Saqqara, procedendo in direzione sud, la necropoli situata nella zona di Dahshur si raggiunge in circa mezz'ora. Lunga in media 4 km, essa è un prolungamento della necropoli menfita e accoglie una serie di piramidi in pietra e mattoni crudi, assegnabili all'Antico e Medio Regno e disposte secondo due linee pressoché parallele orientate in senso nord-sud.

Quelle che qui ci interessano sono note con i nomi di Piramide Rossa e di Piramide Romboidale o Curva. Ubicate rispettivamente a nord e a sud lungo la linea più occidentale, sono il primo esempio di forma piramidale, geometricamente intesa, dopo l'esperienza di Meidum alla quale vanno collegate.

La loro importanza deriva anche dal fatto che esse presentano i principali elementi costitutivi del complesso piramidale quale si affermerà in forma definitiva a Giza. La prima a essere costruita fu forse la Piramide Romboidale, così chiamata perchè presenta nella parte alta un accentuazione dell'angolazione delle facce. La seconda deve il suo nome al colore rossastro della pietra locale con cui fu costruito il nucleo: il rivestimento esterno infatti è andato completamente perduto.

A questo proposito ricordiamo che le piramidi, oltre ad essere state oggetto di saccheggio per quel che riguarda l'interno, furono anche usate come vere e proprie cave di pietre fin dai tempi più antichi, come testimoniano alcune composizioni letterarie.

Autore Nova
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube 7Chino7. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!