La storia di Samantha Smith, la bambina della guerra fredda!!

Samantha Smith: un nome che forse non dice niente a nessuno, ma, che nell'anno 1982 ebbe una grandissima notorietà. Forse qualcuno, non più giovanissimo, ricorderà di una bambina americana nata nel 1972 ad Houlton, nello stato del Maine, che, in piena guerra fredda, scrisse una lettera all'allora Segretario Generale del partito comunista dell'Unione Sovietica, Jurjj Andropov, nella quale chiedeva, al potente interlocutore, se davvero l'URSS volesse attaccare gli Stati Uniti d'America e così provocare una devastante guerra nucleare. La bambina, insieme alla sua mamma, si recò all'ambasciata sovietica a Washington e consegnò la famosa lettera ad un funzionario che, incredibilmente fece recapitare la missiva al Presidente. Dopo un pò di tempo, Andropov, forse colpito dall'innocenza della bambina, rispose rassicurandola che nessuno aveva intenzione di scatenare un conflitto nucleare ed, anzi, invitandola a visitare l'Unione Sovietica per vedere come vivevano là i bambini della sua età. Il 7 Luglio del 1983, Samantha partì con i suoi genitori per l'Unione Sovietica e rimase per due settimane, visitando Mosca, S. Pietroburgo e la Crimea, naturalmente ospite del governo. Non fu possibile un incontro con Andropov, poiché il Presidente era gravemente malato (pochi mesi dopo morì), ma ebbero un cordiale colloquio telefonico di benvenuto. Tutto il viaggio della bambina fu coperto mediaticamente dalle televisioni, sia americane sovietiche, e quando rientrò in patria divenne una vera star intraprendendo anche la carriera di attrice. Proprio nel viaggio di ritorno dopo aver girato un film, nell'estate del 1985, Samantha vide stroncata la sua giovane vita in un incidente aereo nel Maine, insieme al padre e a tutti i passeggeri. Questa morte, creò un incidente diplomatico fra USA e URSS che, reciprocamente accusarono l'intelligence avversaria (CIA e KGB) di aver volutamente provocato l'incidente aereo per uccidere la giovane. Di questa storia, salta agli occhi il grande coraggio di questa bambina che, in un momento particolarmente critico della storia della guerra fredda, ebbe l'intuizione di scrivere una lettera a uno dei potenti del mondo, forse riuscendo anche a scongiurare un disastro che avrebbe provocato la fine dell'umanità.
Autore Floryblackcat
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!