La Coca-Cola ha un effetto corrosivo: è una legenda o la realtà?

La Coca-Cola, della quale esiste una moltitudine di qualità e di sapori, è una delle bevande più conosciute e consumate dagli italiani. Facendo un bilancio globale, risulta che tra le varie fasce d'età, chi fa più uso di tale prodotto è, naturalmente, l'adolescente. Questi, per forza di cose non fa mancare mai una bottiglia di coca cola in tavola, vuoi in eventi come una festa di compleanno o un rinfresco, vuoi, in quei rari casi in cui, tra amici, a qualcuno non vada a genio, anche solo per compagnia.

E' un fatto naturale che l'uso ripetuto e abituale di un prodotto faccia inconsciamente perdere di vista quali siano i "contro" che tale alimento o bevanda contenga in sé. Nella fattispecie, la natura gassata e zuccherata della Coca Cola provoca una tale dipendenza da spingerci a bere un bicchiere dietro l'altro pur avvertendo nello stomaco un inspiegabile senso di gonfiore. In realtà è proprio la dipendenza uno degli allarmi più pericolosi a cui bisogna seriamente prestare attenzione.

Alcuni scienziati, provando ad attribuire nome e cognome a questi presunti effetti "corrosivi" della Cola, si appellano alla sua natura chimica. Essendo una miscela di acidi (acido citrico e acido fosforico) deriverebbe da qui quell'inspiegabile effetto di acidità che si crea nel nostro stomaco, oltre alla famosa e tanto lamentata carie ai denti. 

Nell'interessante video che vi viene proposto, l'obiettivo è quello di fornire dei "dati sperimentali" ad un'inquietante leggenda sorta nel 1950 ed enunciata da un professore di scuola superiore, secondo la quale l'arco temporale dell'effettivo corrosivo della Coca-Cola è, niente meno, 24 ore.

Ma è tutto corrispondente al vero? O è soltanto una leggenda? I risultati degli esperimenti effettuati sono, a dir poco, sorprendenti.

Autore Lemuel93
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!