L'Italia lo rifiuta ma poi lo assume la Nasa

Il video ha come oggetto l'esperienza di un giovane che, non riuscendo a trovare un'occupazione in Italia, è stato costretto a spingersi oltreoceano per poter lavorare. Aldo Mencaraglia intervista, in via streaming, Roberto Carlino, un ingegnere aerospaziale napoletano che attualmente vive a San Francisco, in California.
Ancor prima di laurearsi, Carlino ha inviato il curriculum alle aziende aerospaziali italiane ma senza successo. Ciò lo ha spinto a trasferirsi in Australia per 8 mesi. Dopo questa sua vacanza-lavoro, è ritornato in Italia per poi iscriversi ad un Master di Ingegneria Aerospaziale a Roma che gli ha consentito di visitare negli Stati Uniti diversi centri aerospaziali, tra cui anche la Nasa. Roberto Carlino ha così potuto presentare un progetto di gruppo che lo ha messo in contatto diretto con i dirigenti della Nasa. Dopo una serie di email, invio di curriculum e colloqui via Skype, al giovane gli si sono aperte le porte della California.
Attualmente Carlino è un tirocinante alla Nasa e sta lavorando per diversi progetti, tra cui un'applicazione che verrà impiegata dalla Nasa per creare un budget di comunicazione tra satelliti di piccole dimensioni. Inoltre, sta lavorando per un altro progetto denominato "Light Force Project", che ha come obiettivo quello di far cambiare la traettoria dei satelliti in orbita terrestre evitandone l'impatto.
Autore pat7973
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!