Il prof. Auriti profetizza le conseguenze NEFASTE dell'Euro!

Il compianto prof. Giacinto Auriti profetizza le conseguenze NEFASTE dell'EURO.
Il professore, fondatore della scuola di Teramo di diritto monetario, in questo video dell'11/04/2005 mette in guardia gli Italiani sui pericoli insiti nella nuova moneta che da lì ad 11 mesi avrebbe sostituito la Lira.

In particolare, Auriti pone un quesito molto importante, ossia chi sia il proprietario dell'Euro e pone l'accento sul fatto che nessuna norma del Trattato di Maastricht individui il proprietario dell'Euro.

Auriti fa notare come l'Euro avrebbe portato ad un indebitamento senza contropartita con vantaggi per l'usurocrazia mondiale e svantaggi per i cittadini e ponendo questi ultimi dinanzi a due scelte: IL SUICIDIO e la DISPERAZIONE.

In questo video girato ad aprile del 2001, 15 anni fa, viene profetizzato ciò che sta accadendo oggi: difatti è inconfutabile il gran numero di "suicidi economici" legato alla crisi.

Già con la Lira, il prof. Auriti denunciava la mancanza di una PIENA sovranità monetaria ed il meccanismo della moneta a debito, adesso con l'Euro ci è stato tolto anche quel poco di sovranità che ci restava.

Non bisogna essere economisti per capire che con l'Euro, moneta di proprietà della BCE, costituita da banche centrali, di natura prevalentemente privatistica; non ci possa essere benessere per l'Italia e gli altri aderenti.

La BCE in particolare, presta soldi alle banche private e gli Stati per finanziarsi devono chiedere soldi in prestito alle banche private, molto spesso detentrici di quote nelle banche centrali dei vari Stati dell'Eurozona. Gli Stati, oltre a doversi indebitare, possono farlo solo in modo da non violare i parametri di Maastricht che è facile violare, e là intervengono i poteri forti che chiedono di svendere gli asset statali per ridurre il debito.

Solo uscendo  dall'Euro ed attuando una piena sovranità monetaria, si potrà interrompere il circuito pericoloso dei suicidi economici.

Autore casor
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!