Il mistero della SPEDIZIONE DYATLOV

Nel febbraio del 1959 un piccolo gruppo di nove escursionisti turisti muoiono nei monti Urali (Russia), nel passo di Djatlov, nei pressi della montagna dei morti. 

Le cause della loro morte sono ancora ad oggi sconosciute.

Dopo brevi ricerche il gruppo di giovani fu ritrovato da una squadra militare mandata alla perlustrazione dopo che questi non si erano presentati nel luogo stabilito. Quello che i militari si trovarono davanti gli gelò il sangue nelle vele: il campo in cui si erano insediati per la notte era abbandonato e la loro tenda era distrutta, in brandelli. Dopo vari esami è stato accertato che la tenda era stata tagliata e strappata da dentro!

I nove giovani sono scappati nella neve a piedi nudi, da qualcosa che si trovava all'interno della loro tenda! I nove corpi sono stati trovati nella foresta vicina. Tutti erano mutilati, bruciati, con segni di avvelenamento da radiazioni e ad alcuni mancavano parti del corpo.

C'è da specificare che i giovani escursionisti non erano degli adolescenti sprovvisti di esperienza e buon senso: tre di loro erano ingenieri esperti, mentre gli altri erano studenti che avevano già acquisito esperienza come scalatori sulle montagne delle regioni circostanti.

La versione ufficiale fornita in seguito al ritrovamento spiegava che i giovani erano morti di ipotermia, non menzionava nulla a riguardo delle mutilazioni subite e delle numerose fratture interne che tutti riportavano.

Molti non hanno creduto a tale versione, e alcuni si rifiutarono di firmare il rapporto e sono certi si sia trattato di un attacco alieno, o comunque sovrumano.

Purtroppo per chi aveva voluto occultare l'accaduto, molte immagini dei corpi, e testimonianze di chi aveva assistito in prima persona al ritrovamento dei cadaveri, avevano già raggiunto i media e si erano diffusi rapidamente nell'ex unione sovietica e poi in tutto il mondo.

Tutti sono d'accordo nell'affermare che quello fu un omicidio, ma che fu causato da una forza ignota, che non proviene da nulla di tutto ciò che è conosciuto fin ora.

Autore Karolina
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!