EM-Drive - Il Motore Impossibile

Si basa sul rimbalzo delle onde elettromagnetiche all'interno di un contenitore conico: non servono quindi combustibili ed esplosioni, si tratta quindi di un propulsore a spinta Elettro-Magnetica.

E' stato ideato dall'ingegnere aerospaziale Roger Shawyer nel 2000. Sono in corso diverse sperimentazioni a vari livelli in molti istituti tra cui spicca ovviamente la NASA: avere un motore che non consuma carburante sarebbe una innovazione di portata epocale, aprendo definitivamente le porte alla conquista spaziale verso altri sistemi solari.

Ma veniamo al dunque: perché lo chiamano il motore impossibile?

Perché non rispetta la terza legge del moto di Newton che afferma che per ogni azione esiste una reazione uguale e contraria, legge che è stata utilizzata nella missilistica, dagli albori, ad oggi.

Nei motori a razzo tradizionali, il flusso di propellente, espulso attraverso lo scarico crea la reazione opposta che spinge la navicella in senso opposto.

L'idea di base dell'EM-DRIVE è di convertire l'energia elettrica in radiazione elettromagnetica e quindi si avrebbe spinta senza avere propellente.

Da alcune formulazioni teoriche le potenzialità di questo motore sarebbero enormi, sia in termini di efficienza sia di prestazioni: si ventila di poter portare l'uomo su marte in due mesi.

Nel 2015 La NASA, dopo lo scetticismo iniziale, ha iniziato la sperimentazione per testare il funzionamento nel vuoto. Sembrerebbe che in un esperimento si sia effettivamente generata una spinta rilevabile, il prototipo però dovrà essere testato nello spazio per confermare i primi promettenti risultati.

Attualmente anche l'ASI (Agenzia Spaziale Italiana) ci sta lavorando e anche la Cina sta investendo molto sulla ricerca del propulsore Elettro-Magnetico.

Ricordiamo che uno dei primi esperimenti fu quello dell'italiano Guido Fetta, poi smentito dalla comunità scientifica, che ritenne la prova condizionata da fattori ambientali esterni, in quanto non eseguita nel vuoto.

Tra conferme e smentite procede la storia del motore impossibile che da quasi 20 anni appassiona gli scienziati di tutto il modo, e non mancano provetti dilettanti elettrotecnici che se ne sono costruiti uno in garage! Basterà fare una ricerca su Youtube per vedere i vari esperimenti a tutti i livelli, compreso quello domestico!

Autore vesalio
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!